Close

New articles

I benefici delle patate ma occhio al metodo di cottura

Fritte, al forno, in padella, lesse. Insomma le patate sono l'alimento per eccezione nelle nostre tavole, sono buonissime e se condite con degli aromi sono davvero squisite. 

Ma un nuova ricerca ci fa capire che non è sempre oro ciò che luccica.

Come in ogni dieta mediterranea e non, le verdure e vari tipi di ortaggi sono consigliate, perché apportando vari benefici, più di duecento studi dimostrano che consumare frutta e verdura riduce il rischio d'infarto, ictus cerebrale e vari tipi di tumore, inoltre aiutano la stipsi e la digestione.

Occhio al diabete

Non si può dire lo stesso delle amate patate che ci piacciono tanto. Tuttavia le stesse ricerche dicono che aumentano il rischio di diabete di tipo 2.

Questo perché sono ricche di amidi, carboidrati che più velocemente si trasformano in glucosio ed entrano nel sangue aumentando la glicemia (l'indice glicemico delle patate lesse è superiore perfino a quello dello zucchero).

Evitate condimenti poco sani

Ma non tutti i mali vengono per nuocere, tuttavia, ora una nuova ricerca, condotta dalla Edith Cowan University (ECU), in Australia, ha dimostrato che le patate anche se non apportano gli stessi benefici di altri ortaggi o verdure, non sono poi così dannose per la nostra salute. Tutto dipende da come si condiscono e dagli ingredienti che servono per prepararle, come per esempio: panna, maionese, e burro (tutti alimenti poco sani). Ma se volete mangiare le patate senza ansia, bollitele, anziché friggerle, quelle fritte ovviamente sono dannose specialmente se consumate più volte a settimana, per esempio per i diabetici. Mentre aumenta del 30% circa le possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2, perché ricche di amidi.

Ottime per intestino e digestione

Ma anche se le patate non sono sempre consigliate nella dieta, dovete sapere che rispetto al riso, le patate bollite sono carboidrati migliori poiché di ottima qualità, e il metodo migliore e salutare per cucinarle è bollirle intere, farle raffreddare e poi consumarle, perché così cucinate non fanno aumentare la glicemia. 

Infine sappiate che, le patate, sono ricche di importanti nutrienti come le fibre, utili per il transito intestinale e la digestione, e il potassio, importante per equilibrare il sodio nella regolazione della pressione arteriosa.

I benefici delle patate ma occhio al metodo di cottura

Fritte, al forno, in padella, lesse. Insomma le patate sono l'alimento per eccezione nelle nostre tavole, sono buonissime e se condite con degli aromi sono davvero squisite. 

Ma un nuova ricerca ci fa capire che non è sempre oro ciò che luccica.

Come in ogni dieta mediterranea e non, le verdure e vari tipi di ortaggi sono consigliate, perché apportando vari benefici, più di duecento studi dimostrano che consumare frutta e verdura riduce il rischio d'infarto, ictus cerebrale e vari tipi di tumore, inoltre aiutano la stipsi e la digestione.

Occhio al diabete

Non si può dire lo stesso delle amate patate che ci piacciono tanto. Tuttavia le stesse ricerche dicono che aumentano il rischio di diabete di tipo 2.

Questo perché sono ricche di amidi, carboidrati che più velocemente si trasformano in glucosio ed entrano nel sangue aumentando la glicemia (l'indice glicemico delle patate lesse è superiore perfino a quello dello zucchero).

Evitate condimenti poco sani

Ma non tutti i mali vengono per nuocere, tuttavia, ora una nuova ricerca, condotta dalla Edith Cowan University (ECU), in Australia, ha dimostrato che le patate anche se non apportano gli stessi benefici di altri ortaggi o verdure, non sono poi così dannose per la nostra salute. Tutto dipende da come si condiscono e dagli ingredienti che servono per prepararle, come per esempio: panna, maionese, e burro (tutti alimenti poco sani). Ma se volete mangiare le patate senza ansia, bollitele, anziché friggerle, quelle fritte ovviamente sono dannose specialmente se consumate più volte a settimana, per esempio per i diabetici. Mentre aumenta del 30% circa le possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2, perché ricche di amidi.

Ottime per intestino e digestione

Ma anche se le patate non sono sempre consigliate nella dieta, dovete sapere che rispetto al riso, le patate bollite sono carboidrati migliori poiché di ottima qualità, e il metodo migliore e salutare per cucinarle è bollirle intere, farle raffreddare e poi consumarle, perché così cucinate non fanno aumentare la glicemia. 

Infine sappiate che, le patate, sono ricche di importanti nutrienti come le fibre, utili per il transito intestinale e la digestione, e il potassio, importante per equilibrare il sodio nella regolazione della pressione arteriosa.